tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

SHANGHAI SUITE
racconti

 

Shanghai suite

Autore Bao Tianxiao, Zhang Tianyi, Liu Na'ou, Mu Shiying, Ye Lingfeng, Shi Zhecun
Editore Atmosphere libri, Roma
Prima edizione 2014
Traduzione (dal cinese): Barbara Leonesi, Luca Pisano, Stefania Stafutti, Caterina Viglione
Pagine 158
N. ISBN 978-88-6564-100-2
copertina flessibile
e-book

I primi decenni del XX secolo costituiscono un momento straordinariamente felice per la produzione letteraria cinese e per quella di Shanghai in particolare. La "Parigi d'Oriente" è la grande metropoli delle concessioni straniere, un crocevia vivacissimo di avventurieri, di artisti, di intellettuali impegnati, di belle donne, di imprenditori, di perditempo e di miliardari gigolò, è, insomma, un luogo alla moda dove la programmazione cinematografica coincide spesso con quella di New York. Ma è anche una città di miseria estrema, di ingiustizia e di ineguaglianza. I temi, il linguaggio, la sensibilità personale e artistica degli scrittori dell'epoca sono assai vicini a noi, più vicini forse di quanto non accada per gli autori della Cina contemporanea. L'ironia graffiante che percorre il racconto Il signor Hua Wei potrebbe essere applicata senza nessuna difficoltà a una serie di personaggi più o meno oscuri della scena italiana, "professionisti" della politica senza arte né parte. Allo stesso modo gli scrittori "di successo", affamati di quattrini, che affollano inutilmente i nostri talk show, sono buoni sodali de Le sofferenze del Salsiccia. Entrambi i personaggi escono dalla penna di Zhang Tianyi (1906-1985), uno dei grandi della letteratura del Novecento, a tutt'oggi del tutto sottovalutato. Lo scintillio fasullo dei locali alla moda, contrapposto alle vicende umane spesso drammatiche delle persone che li frequentano, talvolta loro malgrado, è un altro tema molto frequentato dagli scrittori dell'epoca, fra cui in particolare Mu Shiying (1912-1940, Cinque al night club). Li comprendiamo perfettamente quando volgono lo sguardo a una sessualità torbida e repressa (Mu Shiying in La donna di platino), o incerta e inutilmente conclamata (Ye Lingfeng, 1905-1975, de La numero 7) così come quando mettono a nudo una disperazione esistenziale celata da un cinismo di facciata (Liu Na’ou, 1905-1940, di Scarti, o Bao Tianxiao, 1875-1973, de La cortigiana malata) o, ancora, quando trasferiscono magistralmente nella scrittura le piccole frustrazioni innocue della quotidianità di mariti, impiegati, amanti, come nei racconti di Shi Zhecun, (1905-2003). Questi autori appartengono al numero dei prediletti dal cielo, capaci di parlare al cuore e all'intelletto degli uomini, in qualunque tempo e a qualunque latitudine.

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014